Il Club per l’Unesco di Amalfi organizza evento per la Settimana Unesco Educazione alla Sostenibilità

23 novembre 2017 alle 18:41

La locandina Settimana Unesco Educazione alla Sostenibilità che si svolge in Costiera amalfitana

Venerdi 24 novembre, incontro con gli alunni dell’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli di Tramonti

Le antiche cisterne in Costiera amalfitana nell’era dei cambiamenti climatici. E’ l’argomento che sarà trattato durante la “Settimana Unesco Educazione alla Sostenibilità – Agenda 2030” (dal 20 al 26 novembre) a cui ha aderito il Club per l’Unesco di Amalfi in collaborazione con l’associazione Acarbio.

Presso l’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli di Tramonti sarà affrontato il tema “Cambiamenti climatici e rifugiati ambientali” focalizzandolo anche su un aspetto territoriale tra siccità, incendi e alluvioni, dando risalto al ruolo che hanno rivestito in passato – in tema di approvvigionamento acqua e spreco idrico – le antiche cisterne lungo tutta la Costa d’Amalfi e che rischiano oggi di scomparire nell’oblio.

Un percorso che porterà gli alunni della terza classe –  con Maria Rosaria Sannino, presidente Club per l’Unesco, insieme a Cornelia Kramsall (studentessa universitaria Gestione ambientale dell’Università di Vienna) – a comprendere meglio attraverso slides, foto e video, cos’è l’Accordo di Parigi sul clima, con i suoi punti principali. E che cosa può fare, anche una piccola comunità in tema di “rifugiati ambientali”.