World Radio Day 2019: con Divina FM parlando di volontariato, storie di pace e dialogo in Costiera amalfitana

11 febbraio 2019 alle 17:30

World Radio Day, edizione 2019 con la radio Divina FM ad Amalfi

Il tema dell’edizione del 2019 è: dialogo, tolleranza e pace. E la radio è sempre stato un veicolo che abbatte qualsiasi barriera, si apre al diverso e accoglie. 

L’Unesco ha così voluto evidenziare il potere che ancora oggi riveste la radio, nell’ambito delle informazioni che circolano anche in luoghi dove non arriva neanche internet.

Anche il Club per l’Unesco di Amalfi ha voluto festeggiare la radio con l’evento dedicato al World Radio Day che si festeggia il 13 febbraio di ogni anno, e che ricorda il giorno in cui nel 1946 fu fondata la Radio delle Nazioni Unite. 

In Costiera amalfitana c’è una radio che da più di 40 anni trasmette ininterrottamente, ed è la Divina FM.

Per il secondo anno il Club per l’Unesco ha voluto ricordare, grazie a questo evento, questa storica presenza nella vita dei cittadini.

Ai microfoni della radio, intervistati da Maria Rosaria Sannino, giornalista e presidente del Club per l’Unesco di Amalfi,  lo storico medievalista Giuseppe Gargano che ha evidenziato la grande apertura allo “straniero” (che arrivava in pace) da tempi antichi, le tante imprese compiute dagli amalfitani dell’antica Repubblica marinara di Amalfi in terre lontane.

Tanti episodi che sono rimasti nella storia e che fanno degli amalfitani un popolo che ha sempre accolto.

Il tema del volontariato è stato poi l’argomento ricordato ai radioascoltatori con la presenza di Immacolata Smeraldo e Marcella Anastasio: vice presidente e presidente del gruppo di Volontariato Vincenziano che da più di 100 anni opera ininterrottamente ad Amalfi.

Costituito nel novembre 1915 da mons. Ercolano Marini – ha ricordato la professoressa Smeraldo – il gruppo è da sempre impegnato verso i meno fortunati”. Con una casa famiglia e una mensa per “uomini soli”, il Volontariato Vincenziano è da sempre un esempio di impegno su un territorio come la Costiera amalfitana che seppur ricco rischia di dimenticare chi ha difficoltà. “Ci sono tante famiglie amalfitane – hanno confidato ai microfoni – che hanno bisogno di un aiuto concreto: di fare la spesa, di pagare l’affitto e le bollette. Noi ci siamo, peccato però che siamo solo una ventina e tutte ormai avanti con l’età”.

Un appello rivolto ai giovani di avvicinarsi a questa realtà che non solo dona, ma chi si impegna in questo campo, riceve indietro tanto.

 

World Radio Day 2019